Dal 1989 contro i luoghi comuni

Carcere / Docufilm

Carcere

carcere e psicofarmaci

carcere psicofarmaciUn'emergenza concreta 

 
In carcere lo chiamano “il carrello della felicità”. Passa fra le celle tutte le sere distribuendo compresse colorate, gocce, flaconi e pillole. Farmaci che calmano l’ansia e procurano benessere chimico.
Nelle prigioni italiane esiste un problema sotterraneo: l’abuso di psicofarmaci. Dati ufficiali però non esistono, perché la mancanza di cartelle cliniche informatizzate non permette, nel nostro Paese, di avere un quadro completo di quello che avviene nelle infermerie dei 206 istituti penitenziari.
 
Ma si tratta di un’emergenza concreta. Come fanno emergere i sopralluoghi appena portati a termine dai Radicali nelle carceri della penisola, soprattutto del Sud Italia. E come confermano, puntuali, le associazioni a tutela dei carcerati (Osservatorio Antigone, Ristretti Orizzonti e Detenuto Ignoto) dalle quali arrivano dati poco rassicuranti: secondo le loro stime quasi il 50% delle persone dietro le sbarre – su un totale di 52.164 detenuti in base agli ultimi dati disponibili del Ministero della Giustizia - sarebbe sotto terapia da psicofarmaco. Mentre il 75% ricorrerebbe a quella che viene definita “terapia serale”: sedativi per dormire.
 
 
"In carcere psicofarmaci a pioggia: per riprendermi ci ho messo 3 anni"
«E sono stato fortunato. Molti altri miei amici non ce l’hanno fatta». La denuncia di un ex detenuto 
 
L’abuso di psicofarmaci sarebbe l’effetto diretto di un’altra falla ormai cronicizza all’interno delle nostre prigioni: la carenza di psicologi. In poche parole, in assenza di specialisti che dovrebbero curare lo stato mentale dei detenuti con la psicoterapia, si fa uso di potenti medicinali. Con un risvolto non indifferente anche in termini di costi per il Sistema Sanitario Nazionale. E con conseguenze spesso tragiche: solo nelle ultime settimane si sono registrate due sospette overdose da farmaci.
 
Spesso – va detto - si tratta  di cure indispensabili per far fronte a disagi psichici altrimenti ingestibili. Altre volte, invece, è un abuso di terapia che annienta i prigionieri. Un “contenimento di Stato”, come lo definiscono i sindacati di polizia penitenziaria e gli operatori volontari. Che avrebbe come scopo quello di evitare situazioni esplosive: solo con l’aiuto di massicce dosi di farmaci a effetto calmante i detenuti riescono a sopportare i trattamenti degradanti negli istituti di pena in stato di fatiscenza e i lunghi periodi di carcerazione preventiva in attesa del processo. A volte le pillole vengono assunte in maniera passiva, soprattutto dagli stranieri, che non sanno neanche cosa stanno ingoiando. Più spesso invece sono loro stessi a chiederle, per anestetizzare angoscia e dolore.
 
carcere psicofarmaci.1jpg
Però gli effetti di questa sedazione di massa, come ha accertato l’Espresso attraverso le testimonianze di medici, volontari, guardie carcerarie, detenuti ed ex detenuti, possono essere disastrosi. Gli strascichi si manifestano per anni, a volte per sempre, anche dopo essere usciti dal carcere. Rendendo il ritorno in società ancora più difficile. E poi creano più dipendenza dell’eroina. Così una volta tornati liberi spesso l’astinenza viene colmata con l’uso di droghe pesanti.
 
Fra gli ex detenuti c’è chi racconta di aver avuto perdite di memoria - al punto di non ricordarsi più il nome del proprio figlio – e chi una volta tornato in libertà ha accusato crisi di panico e impotenza. Annullandosi come essere umano.
 
 

 

 

 

 

logo sito small
Test rapido per rilevare HIV, HCV (epatite C) e Sifilide presso la nostra sede

Tutti i primi giovedì del mese
dalle 17.00 alle 20.30

ico tel
....... 02 89455320 .......

Lunedì 09:30 - 13:00
Martedì 14:00 - 18:00
Mercoledì 09:30 - 13:00
Giovedì 14:00 - 20:30
Venerdì 09:30 - 13:00
Facebook Twitter YouTube

Scrivici

Prima di scriverci ti invitiamo a prendere visione della nostra Informativa sulla privacy.
da 
 
Per favore inserire questo testo nel riquadro sottostante nijyavoq Aiutaci a prevenire lo SPAM!
    

LILA Milano ONLUS - Fondazione di partecipazione
Via Carlo Maderno, 4 - 20136 Milano - C.F. 97076850151
Tel. 02 89400887 / 02 89403050 - Fax: 02 89455196 - Centralino AIDS: 02 89455320
Copyright © 2015. All Rights Reserved.
Informativa su cookies e privacy